Fisiologia del ciclo mestruale

menopausa donne consigli
  1. Che cosa è il ciclo mestruale?
  2. Quali sono le fasi del ciclo mestruale?
  3. Quali sono gli ormoni principali?
  4. Cosa avviene durante il ciclo mestruale?

Che cos’è il ciclo mestruale?

Il ciclo mestruale è una sequenza di cambiamenti fisiologici e periodici dell’apparato riproduttivo femminile. Il ciclo mestruale è regolato da ormoni prodotti dalle ovaie e dall’ipofisi. In tutte le donne, inizia durante la pubertà e finisce con la menopausa e viene ad essere interrotto solo durante i periodi di gravidanza. Oltre il ciclo ovarico anche quello mestruale dura mediamente 28 giorni e comprende tre fasi, che si succedono ciclicamente e strettamente correlate agli ormoni che vengono secreti durante il loro ciclo.

Quali sono le fasi del ciclo mestruale?

  • Fase mestruale: durante il quale l’endometrio si sfalda e viene espulso attraverso la vagina sotto forma di mestruazioni
  • Fase proliferativa: in cui l’endometrio viene ricostruito
  • Fase secretoria: durante la quale l’endometrio si ispessisce per accogliere l’ovulo fecondato.

Quali sono gli ormoni principali?

Il ciclo mestruale è accompagnato, non sempre, da crampi addominali durante la fase pre-mestruale, con una serie di disturbi che colpiscono le donne durante i giorni che precedono le mestruazioni.I cicli mestruali durano da 25 a 35 giorni, con un media di 28 giorni per le donne di vent’anni e 26 giorni per le donne sulla quarantina. In un normale ciclo mestruale ci sono cambiamenti ciclici di quattro ormoni principali:

  • l’ormone luteinizzante (LH)
  • l’ormone follicolo-stimolante (FSH)
  • Estrogeno
  • Progesterone

Il tutto è associato ad un cambiamento della temperatura corporea. Attraverso il sistema nervoso centrale, il rilascio pulsatile dell’ormone che rilascia la gonadotropina (GnRH) dall’ipotalamo regola il rilascio degli ormoni ipotalamici LH e FSH che a loro volta vanno a regolare la secrezione di estrogeni. Successivamente, i livelli di FSH e estrogeni aumentano, i follicoli ovarici si sviluppano e maturano. Circa sette giorni dopo l’ovulazione, in assenza di fecondazione la produzione di ormoni inizia a declinare. È negli ultimi giorni del ciclo con il declino delle concentrazioni di ormoni e i primi giorni delle mestruazioni quando gli ormoni sono bassi in cui si manifestano i sintomi più negativi per le donne. I cicli vengono contati dal primo giorno di flusso mestruale quando i livelli di tutte e quattro gli ormoni sono bassi.

Cosa avviene durante il ciclo mestruale?

Il sanguinamento mestruale è il sintomo esterno della ciclicità nelle donne e si verifica alla fine del luteale e all’inizio della fase follicolare del ciclo ovarico. Nell’80% delle donne ovulatorie il sanguinamento mestruale si verifica in 3-6 giorni con il flusso più pesante al secondo giorno con una perdita di sangue in media di 33 ml (10-84 ml). Un declino dipendente dall’età e dal giorno è visto in donne dall’età di 35 anni e 50 anni le donne anziane perdono 6 ml più delle donne più giovani. Il ciclo mestruale è strettamente controllato da fattori endocrini, autocrini e paracrini che vanno a regolare lo sviluppo follicolare, l’ovulazione e rimodellamento dell’endometrio.

Il menarca

linea prodotti igiene intima femminile
  1. Che cos’è la pubertà?
  2. Come si attiva il processo puberale?
  3. Quali sono gli ormoni attivi in questo processo?

Che cos’è la pubertà?

La pubertà è il periodo di transizione biologica dall’infanzia all’età adulta. I cambiamenti che si verificano in questo momento sono legati alle crescenti concentrazioni di ormoni steroidei sessuali. Nelle femmine, la maggior parte dei cambiamenti puberali è causata dalla stimolazione degli estrogeni che combacia con l’insorgenza della pubertà centrale. Uno sviluppo significativo si verifica negli organi del sistema riproduttivo femminile e provoca cambiamenti anatomici che caratterizzano la maturità riproduttiva. La pubertà è il periodo di transizione biologica da dall’infanzia all’età adulta. Tutti i cambiamenti biologici che si verificano durante questo periodo sono collegati, direttamente o indirettamente, a stimolazione degli ormoni steroidei sessuali. Molti dei cambiamenti che si verificano sono di natura funzionale, includono alcuni caratteristiche sessuali importanti. L’odore del corpo degli adulti e l’acne, per esempio, sono i risultati dell’attivazione e aumento della secrezione di ghiandole apocrine di sudore e ghiandole sebacee. La composizione corporea e distribuzione del grasso riflette i cambiamenti metabolici indotti dalla stimolazione ormonale. Allo stesso modo si hanno cambiamenti antropometrici poiché gli steroidi sessuali causano un’aumentata velocità di crescita, con affetti anche sulle ossa. Gli organi riproduttivi non completamente sviluppati alla nascita, subiscono significative alterazioni durante questo particolare periodo di sviluppo. Questo è certamente vero in entrambi i sessi, ma è più complesso nella femmina, che deve sviluppare la capacità di fornire un ambiente appropriato per la gestazione fetale e la fonte per la nutrizione infantile. Gli organi femminili che sono principalmente responsabili del successo riproduttivo includono l’ovaio, l’utero, la vagina, la vulva e il seno.

Come si attiva il processo puberale?

Il processo puberale inizia con l’attivazione dell’asse ipotalamo-ipofisi-gonadico (HPG). Questo processo contribuisce alla differenziazione e al dimorfismo sessuale del feto ma entro la fine della gestazione, i livelli di estrogeni materni sopprimono l’ulteriore attività di HPG del feto.
Dopo la nascita, vi è un’impennata di attivazione puberale che viene soppressa all’età di 2 anni fino all’attivazione puberale nella tarda infanzia. L’inizio della vera pubertà si verifica quando il Sistema Nervoso Centrale, consente agli impulsi piccoli, discreti e notturni dell’ormone di rilascio delle gonadotropine (GnRH) da parte dell’ipotalamo che causa secrezione delle gonadotropine, dell’ormone luteinizzante (LH) e dell’ormone follicolo-stimolante (FSH), dalla ghiandola pituitaria o ipofisi.

Quali sono gli ormoni attivi in questo processo?

Una volta che le gonadotropine sieriche aumentano, stimolano il tessuto gonadico a produrre steroidi sessuali. La stimolazione con FSH aumenta l’attività dell’aromatasi microsomale delle cellule della granulosa ovarica, l’LH, d’altra parte, stimola la produzione di androgeni nelle cellule della teca. Da allora, questi ormoni circolano per promuovere i cambiamenti puberali in tutto il corpo ed esercitare un feedback per effettuare ulteriori secrezioni di gonadotropina.

Colvin et al. 2012
Lemaine et al. 2012

Anatomia Genitale Femminile: dall’infanzia all’adolescenza

apparato genitale femminile
  1. Tratto genitale: come cambia
  2. La vulva: cosa comprende

Tratto genitale: cosa cambia

Nel corso della vita il tratto genitale subisce una serie di cambiamenti e la maggior parte di questi si verifica durante la pubertà. Nelle prime fasi di sviluppo i sistemi genitali femminili e maschili sono indistinguibili e sebbene il sesso sia determinato alla fecondazione, diventa clinicamente evidente alla 12° settimana di vita embrionale, dove in assenza di androgeni la differenziazione dei tessuti porta al fenotipo femminile esterno.

Nelle femmine, la differenziazione ovarica inizia circa all’8° settimane di gestazione, le cellule germinali si differenziano in ovogoni e poi in ovociti con la prima divisione meiotica fino alla pubertà. Sotto l’influenza degli estrogeni i dotti di Muller si differenziano nei genitali interni e i dotti di Wolff formano i genitali femminili esterni, tra cui la vagina inferiore, le labbra e il clitoride.

Il sistema genitale può essere suddiviso in due triangoli, il triangolo urogenitale anteriore e il triangolo anale posteriore. Quello anteriore comprende gli organi genitali esterni e l’apertura uretrale, comunemente indicata come vulva.

La vulva: cosa comprende

  • Grandi labbra: due pieghe fibro-adipose, dopo la pubertà sono coperte da peli e ricche di ghiandole sebacee, apocrine ed eccrine.
  • Piccole labbra: due pieghe prive di peli e costituite da strutture neuro-vascolari, follicoli sebacei, ghiandole sudoripare e muscoli.
    Ghiandole di Bartolini: secernono muco per mantenere un’adeguata lubrificazione.
  • Clitoride: l’organo erettile femminile è di 5 mm di lunghezza nei bambini e in età prepuberale, e di 1-2 cm nelle femmine mature.
    Orifizio vaginale: circondato dall’imene, membrana mucosa incompleta che matura durante la pubertà sotto l’influenza degli estrogeni, diventando così più spessa e più elastica.

Gli organi genitali interni femminili invece sono:

  • Vagina: limitata dalla vescica, dall’uretra e dal retto.
  • Utero: organo fibro-muscolare diviso nella cervice inferiore e nel corpo uterino superiore. E’ composto da tre strati: endometrio, miometrio e perimetrio. Alla nascita, la cervice è due volte la lunghezza del corpo uterino. Durante la pubertà questa rapporto è invertito e nelle donne adulte, il corpo uterino è due o tre volte la dimensione della cervice.

Gli annessi uterini consistono nelle ovaie e nelle tube di Falloppio.

  • Le tube di Falloppio: la loro funzione include il trasporto degli ovuli e degli spermatozoi, nonché un ambiente adeguato per il concepimento.
  • Ovaie: variano in base all’età, ad ogni ciclo mestruale e sotto l’influenza ormonale.

Una corretta comprensione del sistema riproduttivo femminile è alla base per un’accurata valutazione e trattamento delle anomalie legate allo sviluppo.