Come e quando si effettua l’ecografia del primo trimestre?

L’ecografia in gravidanza è un esame diagnostico del tutto indolore che utilizza le onde ad alta frequenza prodotte da una sonda che viene fatta passare sull’addome della donna precedentemente cosparso di gel. Queste onde, rimbalzando sulle strutture del corpo, creano delle immagini anatomiche del feto che permetteranno una gestione adeguata della gravidanza al fine di garantirne il buon esito sia per la madre che per il neonato. La prima ecografia dovrebbe essere effettuata tra la 11^ e la 13^ settimana + 6 giorni infatti l’embrione è già visibile all’ecografia quando raggiunge le dimensioni di 1-2 mm. In questa fase della gestazione è fondamentale confermate la vitalità fetale che, in termini ecografici, indica la presenza del battito cardiaco al momento dell’esame. L’attività cardiaca è stata documentata a partire dal 37° giorno di gestazione, tuttavia in circa il 5-10% dei casi in embrioni di dimensioni comprese tra 2 e 4 mm, non è ancora possibile visualizzare il battito. Inoltre, è possibile accertarsi del giusto insediamento dell’embrione, del numero di embrioni e della corretta formazione e attaccatura della placenta. Un altro parametro che si può stabilire è la datazione effettiva della gravidanza, che permetterà successivamente di verificare l’accrescimento fetale.

Cosa si vede con l’ecografia del primo trimestre?

Buona parte dell’anatomia fetale è già visibile a partire dall’11^ settimana. Si possono ad esempio studiare gli arti superiori ed inferiori, il profilo fetale, la chiusura della parete addominale, lo stomaco, la vescica, i vasi del cordone ombelicale, l’integrità del cranio, la placenta, il liquido amniotico, il collo dell’utero ed è inoltre possibile ascoltare il battito del cuore.

http://www.ildottorzoccatelli.it/Ecografia/EcografiaPrimoTrimestre

Linee Guida ISUOG per l’esecuzione dell’ecografia fetale del primo trimestre

Recommended Posts