1. Cos’è il parto eutocico? 
  2. È sicuro il parto eutocico?

Cos’è il parto eutocico? 

Il parto naturale è un evento che le donne sono in grado di affrontare con le proprie forze. Il parto eutocico o parto naturale si realizza senza l’uso di strumenti per facilitare l’espulsione del bambino e senza che venga indotto il travaglio con la somministrazione di ossitocina. 

Si consiglia di frequentare un corso di preparazione al parto, affidarsi alle tecniche consigliate dalle ostetriche per favorire il travaglio ed utilizzare rimedi naturali per controllare il dolore e stimolare le contrazioni. 

Le donne che decidono di affrontare un parto naturale gestiscono il dolore senza ricorrere ai farmaci, solitamente il personale qualificato consiglia alla donna posizioni che riducono le sensazioni dolorose, movimenti frequenti e pasti leggeri.  

Prima di procedere con il parto si esegue una visita vaginale per determinare l’esatta posizione del nascituro, se la testa è in linea con il canale. Quando il collo dell’utero è assottigliato e dilatato, alla donna viene consigliato di spingere ad ogni contrazione in modo che la testa passi attraverso le pelvi. Dopo l’espulsione della testa il corpo del bambino viene ruotato in modo che le spalle siano in posizione antero-posteriore, la testa viene sollevata leggermente e la spalla posteriore scivola al di sopra del perineo seguita dal resto del corpo. Il naso, la bocca e la faringe del neonato vengono aspirati con una siringa per rimuovere il muco e i liquidi e aiutare l’inizio della respirazione. 

Il cordone ombelicale viene tagliato in genere 2-3 minuti dopo la nascita, tempo sufficiente perché dalla placenta arrivi una quantità extra di sangue che garantisce al neonato un maggior apporto di ferro e gli consente un adattamento ottimale alla vita extrauterina. 

Può succedere che si abbiano delle complicazioni durante il parto naturale, come la testa molto grande del nascituro o che il bambino abbia difficoltà ad uscire, in tal caso è necessario praticare un’episiotomia con un’incisione del perineo. 

Durante la prima settimana dopo un parto eutocico con episiotomia, si potrebbe soffrire di dolori dovuti alla ferita e la sua guarigione potrebbe infatti essere piuttosto lunga e fastidiosa. 

È sicuro il parto eutocico? 

La maggior parte delle donne che partorisce naturalmente è soddisfatta della sua esperienza, la sicurezza dell’evento è garantita dal lavoro delle ostetriche che seguendo procedure sicure assistono la madre con costanza. 

Si può scegliere di avere un parto eutocico se si è in buona salute, la gravidanza ha avuto un decorso naturale e se non ci sono rischi legati al parto. 

Il parto naturale non è indicato se la donna ha avuto un parto cesareo o per le donne che presentano il bambino in posizione traversa o podalica cioè con la testa verso l’alto. 

Recommended Posts