Tricomoniasi e adolescenza

  1. Cos’è la tricomoniasi?

  2. Come si trasmette?

  3. Sintomi e complicazioni

  4. Diagnosi e trattamento


tricomoniasi, adl farmaceutici, olinorm detergente intimo, crema, lavanda,

Cos’è la tricomoniasi?

Il protozoo patogeno Trichomonas vaginalis causa un’infezione dell’apparato genitale, la Tricomoniasi. Il protozoo flagellato si moltiplica nelle mucose genitali ed è trasmesso attraverso contatti sessuali orali, vaginali o anali non protetti. La Tricomoniasi è tra le cause più comuni di vaginiti dopo le vaginosi batteriche come la candida.

Come si trasmette

La Tricomoniasi è trasmessa con contatti diretti tra i genitali nei rapporti sessuali non protetti. Nelle donne in gravidanza l’infezione si può trasmettere al figlio durante il parto. La possibilità di infettarsi è ridotta con una corretta igiene genitale e l’utilizzo del preservativo, maschile o femminile, durante i rapporti sessuali.

Sintomi e complicazioni

La Tricomoniasi è più comune nella donna che nell’uomo e va dall’essere asintomatica alla presenza di un’infiammazione pruriginosa a livello della vagina, accompagnata da perdite vaginali, giallo-verdastre, schiumose e maleodorante associate a dolore vulvare durante i rapporti sessuali e anche durante la minzione. Si può avere anche edema a livello delle labbra vaginali e presentare macchie rosse a livello delle pareti vaginali e superfici cervicali. Si possono avere anche uretriti e cistiti. Nell’uomo invece la Tricomoniasi è meno comune ed è in genere sempre asintomatica. Tuttavia l’infezione colpisce l’uretra e la prostata, con perdite purulente con un moderato dolore a livello del pene, particolarmente durante la minzione. L’infezione tende a guarire spontaneamente ma una terapia adeguata serve per evitare che si estenda alle mucose di utero e cervice uterina per la donna e prostatite e epididimite per l’uomo, portando in entrambi i casi ad un maggior rischio di infertilità. L’infiammazione vaginale e uretrale può facilitare il rischio di infezione da HIV ed altre malattie sessualmente trasmissibili. La comparsa dei sintomi o delle lesioni della Tricomoniasi è variabile da 5 a 20 giorni. 

Diagnosi e trattamento

La diagnosi nelle donne può avvenire tramite:

  1. Esame delle secrezioni vaginali che è il metodo più semplice per discriminare tra vaginosi batterica e da Trichomonas allo stesso tempo. La secrezione viene posta su un vetrino con soluzione fisiologica ed esaminato al microscopio per rilevare i Trichomonas che sono a forma di pera con flagelli e mobili. La tricomoniasi è anche diagnosticata frequentemente osservando il microrganismo, quando viene eseguito un Pap-test.

  2. Test di flusso immunocromografico su dipstick o Test di amplificazione degli acidi nucleici (NAAT) che risultano essere più sensibili di un esame o una coltura al microscopio ed inoltre il test NAAT rileva simultaneamente altre malattie sessualmente trasmissibili come la clamidia e la gonorrea.

La diagnosi negli uomini avviene tramite coltura di urina o tampone uretrale. Il trattamento della Tricomoniasi necessita dell’assunzione per via orale di farmaci del gruppo dei nitroimidazoli come il metronidazolo o tinidazolo. Tale terapia deve essere seguita anche dal proprio partner.

#malattiesessualmentetrasmissibili #malattieveneree #trichomonas #tricomoniasi

0 commenti

Post correlati

Mostra tutti